sabato 14 luglio 2012

In sintesi.

E' una settimana che non scrivo e mi sembra passata un'eternità.
E non perché in questi giorni la mia mente abbia partorito chissà quali capolavori letterari, ma il fatto di essere stata senza pc per un bel po' di giorni, ha dato sfogo alla mia fantasia (ovviamente quel briciolo che il criceto del mio cervello ha lasciato) che ho dovuto tenere a bada su miseri fogli di carta finiti nella raccolta differenziata.

Comunque il rumore dei tasti e la loro consistenza sotto le dita mi sono mancate.
Perché io scrivo anche se non pubblico.
Scrivo sempre.
E il fatto di non aver avuto questi tasti, questo pc...beh ha dato i suoi frutti.
Buoni, tra l'altro.

Punto primo.
Lo studio. Tra i miei neuroni svogliati e la scrivania occupata da soli libri, appunti ed evidenziatori, ho preparato un esame nel giro di 4 giorni. Interessante, ma mi sono beccata un 25. Che ho rifiutato.
Il mio primo esame rifiutato.
Sorrido.
Perché un tempo avrei ringraziato se avessi preso un voto del genere per un esame preparato in 4 giorni.
Anzi un tempo, un esame in 4 giorni non l'avrei neanche osato.
E invece, ho trovato anche il tempo per concedermi mezza giornata di shopping.
Ovviamente con scarsi risultati.

L'esame non so ancora quando rifarlo, visto che ne sto preparando un altro e il prossimo appello cade proprio il giorno dopo e, tra l'altro, il giorno in cui dovrei partire.
Facendo due conti, se parto di sera chiedo alla prof il favore di sostenere l'esame la mattina, altrimenti dovrei rimandarlo a settembre (controvoglia).
Vedremo. In ogni caso prevedo una settimana di fuoco.

Punto due.
Il 24 dovrei partire. Dico dovrei perché non so niente.
Forse domani saprò orario e destinazione di questo viaggio che farò.
So solo che mi porterò zaino in spalla e sacco a pelo.
E sarà tutto on the road.
Una novantina di km a piedi attraversando il Molise in stile coast to coast.
Si salvi chi può.

Punto tre.
Parliamo dei saldi.
Ma solo io sono riuscita a non comprare niente?
Volevo dei sandali neri con tacco stratosferico ma niente.
Un abito lungo che non fosse di quei colori tipo Barbie anni 80 ma niente.
Delle bermuda carine, ma niente (tristemente ho dovuto ripiegare su quelle di mio padre e ora sembro una rapper di periferia #yeah).
Qualcosa di fluo ma che non fosse eccessivamente eccentrico. Ok, è un ossimoro pensare di poter indossare qualcosa fluo senza essere eccentrici...però che ne so, magari qualcosa si trova.
Un costume con la fascia ma niente. Fasce con qualcosa che potesse reggere il seno (non che ce ne fosse bisogno, ma non si sa mai) sono sparite. E se ci sono fanno...insomma ci siamo capiti.
Le converse. Al momento non le ho trovate di un colore decente. Confido in una ricerca un po' più fruttuosa.

Quindi di tutto quello che avevo in testa non ho comprato una cippa.
Il bottino di questi saldi è davvero misero se confrontato agli anni passati: qualche completino intimo, un abito H&M (stile nonna, ma con tacco e accessori dovrebbe essere carino), e tre t-shirt.
Insomma niente. Ma c'è tempo.

Punto quattro.
Mi godo questo weekend di cazzeggio, perché il prossimo so già come starò, e me ne vado al mare con le mie nuove infradito, sperando che il sole si ricordi che anch'io ho il desiderio di abbronzarmi.
[Non so per quale strano motivo io non mi abbronzo. Divento rossa e il giorno dopo ciao, nuovamente color latticino.]















15 commenti:

  1. Ma che ci vai a fare in Molise? (parla quella che sfotte sfotte e poi ci va anche lei a fine luglio)
    Alex V :)

    RispondiElimina
  2. hai rifiutato un 25 sapendo di rischiare di non ridarlo? argh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devo ridarlo per forza...spero al òpiù presto!

      Elimina
  3. un 25? hai rifiutato un 25??? ossignore benedetto...

    RispondiElimina
  4. Sono sicuro che Jason Mraz avrebbe apprezzato l'abbinamento cromatico delle infradito col brano linkato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti la scelta non è stata casuale :)

      Elimina
  5. No, sto fatto del 25 è tremendo...
    ho smesso di leggere lì ;P

    RispondiElimina
  6. La mia situazione saldi è identica alla tua. Non ho fatto una "wish-list" e mi sono accorta di avere mille cose in mente da voler comprare. Alla fine, mi sono ritrovata con tanti capi, il cui acquisto non ha avuto un vero e proprio senso logico. Deludenti questi saldi. Spero di rifarmi presto con qualche acquistino soddisfacente :)

    http://almenounmilionediscale.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho capito che se vai con la lista delle cose da prendere finisci che non prendi nulla di quello che dovresti...e allora via allo shopping libero! ;)

      Elimina
  7. Un 25 in 4 giorni non era proprio da buttar via, anche se immagino dipenda da esami e media. Ad ogni moda virtualmente ce l'hai fatta.

    Il mio shopping saldoso si è ridotto a poco e quasi nulla di quella che era sulla lista! Ah si, giusto un pareo a 13 euro da Calzedonia e un costume a fascia trovato per culo (passami il francesismo) anche a detta della commessa (bhe non ha usato il mio stesso termine) perchè era uno dei pezzi più venduti della stagione e pur non essendo andata sabato l'ho scovato. Poi due, questi si utili, pigiamini da Coin.
    Per il resto basta dire che non sono andata da Zara con il capire perchè non ho comprato nulla:-)

    RispondiElimina

E ora dimmi cosa pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...