[2/365] Smart worky

Sono tornata. Ho cercato di cambiare layout al blog perché quello che c'era lo trovavo poco intuitivo. Non so ancora se questo mi piace, ma visto che il mio pc ha la velocità di un' ameba in un campo di calcio, ho deciso di rimandare a data da destinarsi ulteriori aggiustamenti.

Sono a casa dal 10 marzo.
Non ho smesso di lavorare anche se, ammetto, di aver rilassato molto i tempi.
Scorrendo l'Instagram ho notato che un sacco di gente si è dilettata in work out, ricette ad alto contenuto calorico, carrellate di libri (che non so dove avevate nascosto), giochetti più o meno demenziali, liste di buoni propositi e tante altre passioni e cotillon.

Bene, io da quando è cominciata la quarantena, esattamente 15 giorni fa, sono sprofondata in un immenso stato di pigrizia.
Non riesco più a svegliarmi presto, inizio ad assemblare le sinapsi che sono quasi mezzogiorno, il pomeriggio lo passo per metà stesa in orizzontale e la sera faccio fatica ad addormentarmi.
Ho fatto due lunghe passeggiate, quando ancora non ti consideravano un untore se uscivi per fare sport, e due sedute di pilates. Stop.

Confesso di invidiare un po' tutti coloro che si sono dilettati in attività creative ma...io proprio non ce la faccio. Sorvolo sul negativismo emozionale che ogni 2x3 mi prende, ma non riesco a progettare le mie funzioni vitali assecondando squat, torte di mele e letture sul divano.
Ogni tanto mi riprendo e fisso sulla mia Moleskine alcuni obiettivi giornalieri.
Oggi, per esempio, mi ero fissata di leggere alcune pagine di un libro, di fare inglese e di guardare una puntata di Orange is the new black. Sono a quota 2/3.
E voi come ve la passate?

Commenti

  1. Ciao! Confesso di essermi in parte rispecchiato in questo post: nemmeno io ho smesso di lavorare, pur rilassando molto i tempi e finendo inesorabilmente con lo svegliarmi tardi rispetto al solito. Sto cercando di invertire la tendenza, ma ancora non ci sono completamente riuscito.
    Penso, però, che fissare pochi ed essenziali obiettivi giornalieri in agenda siano la strada giusta da percorrere.
    Un saluto,

    EM

    (E comunque, per una curiosa coincidenza, anch'io proprio ieri ho pubblicato un posto sul c.d. lavoro "agile"...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provato ad anticipare la sveglia...ma al momento non funziona! Pazienza, ne approfitto per recuperare un po' di sonno arretrato :)

      Elimina
  2. Cambiano le abitudini, è normale, ed è giusto anche voler far niente come te ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

E ora dimmi cosa pensi...

Post popolari in questo blog

Color cervone

[5/365] E' stato un compleanno triste.

Intermezzo soft-porno. E anche soft-incazzato.