Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2011

[Letture estive] Acciaio & Un karma pesante.

Immagine
In quest'ultimo mese sotto l'ombrellone ho consumato due libri (che ora sanno anche di salsedine, giusto per portarmi il sapore del mare anche in libreria). Acciaio : romanzo incentrato su un'amicizia tra due adolescenti, che prende vita in un quartiere periferico di Piombino, dominato dal gigante industriale Lucchini. Un romanzo carino per certi versi, prevedibile per altri, assurdo per altri ancora. In ogni caso, a mio avviso, se siete interessati a scoprire nuovi talenti letterari è da leggere, lo stile di Silvia Avallone mi è piaciuto un sacco, sebbene per alcuni tratti il romanzo mi sia sembrato "forzato" (per intenderci io a 14 anni non ammiccavo davanti allo specchio per richiamare l'attenzione dei vicini che mi avrebbero spiato dalla finestra -ma ci sta!). Un karma pesante : questo libro mi è stato consigliato da un'amica. Premessa, essendomi appunto stato consigliato ero curiosissima di leggerlo. L'ho fatto...bene. Non compratelo! [Scusami

Strascichi di un'estate che vorrei potesse non finire mai.

Sebbene una parte del mio cuore, o meglio della mia testa, desidera ardentemente che arrivi il freddo, quello vero, quello che ti costringe a rimanere chiuso in casa sotto le coperte e con una bella tazza di the a riscaldarti la gola, un'altra parte, invece, vorrebbe, che quest'estate non finisse mai. Non è stata una grande estate per me, è stato piuttosto un collage di momenti vissuti intensamente con la cadenza di un singhiozzo piuttosto lento, ma sentire il sole sulla pelle, avere una spiaggia a tua disposizione dove calma e silenzio fanno da padroni, poter godere di un tramonto pedalando sulla litoranea e sentire la salsedine entrare nelle narici...beh tutto questo mi fa desiderare ancora di più che questa stagione non abbia fine. Mi sento divisa a metà, con una parte di me tendente all'ordine e alla routine che settembre porta con sè, con un'altra bisognosa ancora di sole e mare, di piccoli momenti di relax, di zero preoccupazioni, di giornate senza orari e senza p

On air #22

Immagine
Buongiorno gente, oggi voglia di studiare saltami addosso...

Vi posso assicurare che le cose non sono cambiate di molto.

Immagine

Good morning.

Immagine
(foto : faustodamachi ) Come è strano svegliarsi presto di domenica mattina. La città dorme ancora, lo sento. E' una domenica di fine estate in cui tutti ieri sono usciti, sicuramente molti avranno fatto l'alba, si saranno goduti questo ultimo weekend di agosto. Le mie intenzioni erano quelle, ma alla fine presa da una stanchezza infinita dopo una corsa (mi sentivo un pò in stile Jovanotti che attraversiamo il fuoco con un ghiacciolo in mano ) e con entusiasmo e voglia pari a zero sono rimasta a casa, in canotta e pantaloncini, stesa sul letto in compagnia del ventilatore e dei miei sogni più  proibiti. Programmi per oggi? Studio, mare e cazzeggio. Anche perchè questo è davvero l'ultimo weekend estivo prima della bunker session che mi aspetta in vista degli esami di settembre. Buona giornata. [ Domenica- Erica Mou ]

Postumi.

Due settimane fa, all'indomani del ferragosto, ho conosciuto un ragazzo, amico di amica ( molto mia amica). Fisicamente bel ragazzo, un pò bassino per i miei gusti (o meglio per la mia altezza), caratterialmente ironico, brillante, sempre con la battuta pronta, un mezzo artista, uno con la testa sulle spalle, di sani principi, verace e determinato, cinico e sognatore allo stesso tempo, un pò romantico, passionale, coraggioso e originale. So già che nella vostra testolina vi starete chiedendo ma come cavolo ha fatto a capire tutte queste cose? Tranquilli non sono nè una maga, nè una psicologa, ma vedendoci per 6 giorni di fila mattina, pomeriggio e sera, un pò -se il cervello mi funziona- riesco a capire come chi mi sta di fronte è fatto. E poi capitava sempre che stavamo seduti insieme, quindi di discorsi me ne sono fatta, e anche un bel pò. Gli ho anche parlato del mio carissimo stronzo giusto per avere un parere da uomo (volete sapere che mi ha detto? E' un cog. lascialo perd

Un'estate fa.

Immagine
Avevamo organizzato una serata in discoteca con le colleghe dell'università. Io ero entusiasta a mille...figuriamoci, quando si tratta di andare a ballare mi inviti a nozze. All'ultimo chi in ritardo, chi doveva andar via prima, mi sono ritrovata in disco con le mie amiche di sempre, anzichè con le colleghe di uni. Però l'importante è esserci andata, è una delle ultime sere d'estate, agosto sta finendo, e non voglio perdermi neanche un attimo che abbia il sapore di spensieratezza e leggerezza- mi dico. La musica è bella, proprio quella che piace a me, musica italiana, commerciale allo stato puro, da cantare a squarciagola e da riderci su improvvisando balletti improponibili. A me piace così. Balliamo, io e le mie amiche...ad un certo punto si avvicina il G., nostro amico con altri suoi amici...e mi presenta siamosoloamici. Di colpo, nel giro di 30 secondi, mi ritrovo da sola a parlare con lui, a fumarci una sigaretta e a ridere manco ci conoscessimo da una vita. E'

Generazioni di trentenni.

Ho sempre frequentato gente più grande di me, un pò per predisposizione caratteriale (sono un pò snob, ammetto!), un pò per circostanze varie, io con i miei coetanei non mi sono mai trovata più di tanto, se non con i cosiddetti amici storici. Detto questo, negli ultimi anni, esattamente dopo il liceo, il giro delle amicizie è cambiato ad ogni stagione: d'estate nuove conoscenze, d'inverno,invece,quelle stesse conoscenze che non riuscivano a diventare amicizie, venivano meno. E' stato così e lo sarà -credo- per sempre, ad eccezione di quelle poche persone certe che mi porto dietro da qualche anno e che so che per me rimarranno sempre le amicizie più care, la casa sulla roccia che a qualsiasi intemperia resisterà. Tra le nuove conoscenze molto spesso, direi quasi sempre, mi capita di passare la serata con trentenni a volte spocchioni, bamboccioni, fighettidelca##o, a volte super affermati (notai, farmacisti, avvocati e laureati di vario genere), più o meno realizzati,

Obiettivi di fine estate.

E' dura riprendersi dalle vacanze. Il mio corpo sta facendo sforzi incredibili per rimanere in piedi dopo essere stato abituato per più di 20 giorni ad orari sballati, a corse frenetiche alternate a momenti di pura lentezza, dove il respiro era l'unico sforzo del corpo e della mente. Stamattina la sveglia è suonata presto: ore 8.30 . Non ce l'ho fatta, ho cominciato a sistemare la stanza per darle una parvenza di normalità, ho riaperto i libri, ma dopo un'ora sono crollata. Il letto era invitante e non potevo lasciarlo solo. L'estate ormai volge al termine anche se il caldo fuori mi dice che ce ne sarà ancora per un pò. La Puglia è proprio bella per questo: ti permette di andare al mare fino ad ottobre e non ti fa sentire il peso di un autunno inoltrato in altre parti di Italia. Anche se non è ancora finita, questa è stata un'estate diversa, particolare, vissuta poco ma intensamente ...mi sento "quasi" rigenerata ,sono pronta a concentrare tutte le en

On air #21

Immagine
Questo pezzo mi strapiace. Ultima domenica di cazzeggio, ultima domenica che sa di estate allo stato puro. Oggi è la domenica della lentezza, domani si riprende. Niente mare, solo musica, shopping, aperitivo con gli amici, passeggiata nella fantastica/romantica Trani . Domani è un altro giorno e occorre avere le pile cariche per ricominciare la vita di sempre. Buona domenica.

E caffè fu.

Immagine
Alla fine ho cambiato idea. Mi sono fatta questo caffè e devo dire che non mi è dispiaciuto. Oddio, non è stato il caffè più esaltante della mia vita, ma non è stato neanche quello più noioso. Certo, mi aspettavo un tipo più intraprendente, e invece l'intraprendente l'ho dovuta fare io (come al solito), con domande a raffica e lucide esplicazioni di ciò che penso e di conseguenza di come mi comporto. I rapporti virtuali non mi piacciono, preferisco che le cose me le si chiedano guardandomi negli occhi. Non mi interessa sapere chi ho di fronte, preferisco scoprirlo perchè mi potresti dire un mucchio di cazzate e poi a fatti essere totalmente un'altra persona. Ora chissà se ci rivedremo, forse sono troppo diretta e schietta, ma sono così, senza mezze misure. E vorrei che anche gli altri lo fossero con me...niente giri di parole, ma solo fatti e fatti. Stasera non esco, in realtà sono rientrata poco fa. Dopo il caffè, sono andata a cena con una mia amica (che non vedevo d

Caffè o non caffè.

Mercoledì in discoteca conosco un tipo. Parliamo, balliamo, niente di strano. Io sparisco, ritorno, ci lasciamo i contatti facebook, ritorno con i miei amici e lui sparisce. Ciao e ciao. Il giorno dopo ho la brillante idea di aggiungerlo su facebook. Lo ricordavo carino, invece scopro che non è proprio il mio tipo.Troppo fighetto e poi non appena cominciamo a chattare...oddio, vorrei scapparmene. Togliergli l'amicizia e arrivederci e grazie. Insiste per un caffè, alla prima rimando, alla seconda pure, alla terza mi dice che lo sto evitando, e per non passare da stronza accetto. Il caffè dovrebbe essere oggi pomeriggio ma vi confesso che mi inventerei una bella scusa e gli direi di no. Non so, questo tipo ha qualcosa che non mi convince. Pieno di sè, parla già in modo audace (virtualmente, poi voglio vedere se ha le palle per essere così anche dal vero), troppi discorsi, troppe parole...insomma mi sembra un quaquaraquà. E poi che fa? Mi dà appuntamento in periferia, non nel mio paes

Post-it #8

Immagine
Dopo una giornata disastrosa come quella di ieri (sveglia alle 5-giornata intera fuori casa in un villaggio turistico-disco di sera), e dopo giorni in cui dormire è come raggiungere un oasi nel deserto, finalmente stasera sono rimasta a casa.  Ho gli occhi che faticano a rimanere aperti e sinceramente non vedo l'ora di poter accarezzare il cuscino, chiudere gli occhi e riaprirli domani con la speranza di essermi riposata. Sono stanca ma serena, con un velo di felicità sul cuore, certo...le ansie non mancano, settembre è vicino e c'è una mole di lavoro da fare...però non voglio pensarci, o meglio non voglio ammalarmi per questi pensieri. Buonanotte.

On air #20

Immagine
E mentre girovagavo per gli scaffali di un supermercato in cerca di non so che, la ascolto e la riconosco, e mi innamoro. Un testo strappalacrime, dolce e violento, come un amore che non riesce a trovare una sua collocazione. Vi consiglio di ascoltarla con testo alla mano. Io l'adoro. Una romantica ballata di una mancanza struggente.

A-ri-eccomi.

Immagine
Buongiorno gente...oggi vi scrivo in modalità paceamoregioiainfinita ...come è andato il vostro ferragosto? Io non posso lamentarmi, ferragosto tranquillo, tanto mare, sole, e soprattutto una buona dose di risate e tanto, ma tanto, tanto, tanto cibo. E' stato un weekend lungo, ho dormito pochissimo, ma non sono affatto stanca. Sabato ho lavorato come un ciuccio (traduzione di "ho lavorato tanto"), la notte di ferragosto l'ho passata in un locale sul mare a imitare Fred Astaire e giustamente ieri mi sono rilassata in una spiaggia privata solo per pochi intimi....anche perchè dopo aver mangiato così tanto- del tipo che facevo fatica a stare seduta e piegata- cosa potevo fare, se non starmene sdraiata su un lastrone in modalità stand-by? Sono rimasta in spiaggia fino al tramonto con amici di amici conosciuti in questi giorni, a ridere e scherzare, giocare a carte e ovviamente a fare foto... Questo è uno scorcio di spiaggia dove ero beatamente spaparanzata al sole

Chiuso per ferie.

Immagine
Questo blog è chiuso per ferie. Mi aspettano 3 giorni di nonprogrammi , mi godrò il mare, il sole, ovviamente gli amici, tanto alcol e tutto quello che verrà. Non ho programmato nulla, ho rifiutato l'invito di ssa ( che credi ora che non ci sono le tue amichette che io faccia da ruota di scorta? MAI! ), stasera lavoro e da domani credo metterò le tende al mare... Sole, sole, tanto sole...e se nel frattempo succede qualcosa di nuovo ve la racconterò al mio ritorno. Un abbraccio di quelli calorosi, soprattutto a chi come me è rimasto a casa. foto : imageshack

Meno male che esiste il gelato al caffè...

Sono stanca, vorrei andare a letto, ma non so per quale motivo ho accettato di uscire con una mia amica. Già so che ci troveremo a girovagare per locali, parlando degli stronzi di turno (il mio ssa e il suo ex). E' un post disconnesso lo so, ma ho appena finito di mangiarmi il mio gelato al caffè, che ha quelle deliziose palline al cioccolato, ovviamente al sapore di caffè...che poi che l'ho mangiato a fare? Altra inutile corsa quella di oggi...45 minuti persi in una vaschetta di gelato algida...E vabbè, pazienza, la prossima volta correrò il doppio... Ah...ho un sonno pazzesco, rischio di addormentarmi sulla tastiera...e poi stasera mi sento decisamente innamorata...roba da colpo di fulmine. Il fortunato o sfortunato di turno? Un tipo che allena signore sulla litoranea...avevo pensato di unirmi al gruppo, ma oggi ho saputo che dalla prossima settimana sarà sostituito e per di più è pure fidanzato....sono sfigata lo so!

Mi fai un regalo?

Mi fai un regalo? Anzi fallo a te stessa: non umiliarti più per quell'imbecille. Ha esordito così la mia amica Emme al telefono, dopo una mail in cui le scrivevo tutto l'accaduto tra me e ssa. Sì perchè anche se non ve l'ho detto, due giorni fa ci siamo rivisti. Sono stata invitata da lui ad un concerto e come una cretina ho accettato convinta del fatto che si volesse far perdonare. Ma ero ignara del fatto che al concerto fosse presente anche la sua ultima frequentazione...non vado oltre solo perchè mi vergogno per me e per questo essere la cui delicatezza è pari a quella di un pachiderma. Il mio blog sembra essere diventato un diario sentimentale, contro tutte le mie intenzioni e mie aspettative, un pò me ne vergogno, ma perdonatemi, scrivere mi aiuta. E' come se i pensieri scivolassero via e la mente fa spazio ad altro.  Dicevo, oggi ho sentito questa mia amica, una persona eccezionale, che però ora è lontana per lavoro. Siamo rimaste per più di mezzora al telefono, o

[Film] Amore e altri rimedi

Immagine
Pensavo fosse un film banale, una di quelle americanate senza senso intrise di luoghi comuni. Invece è una commedia sentimentale bella, a tratti surreale, che regala emozioni in modo gratuito lasciando qualche lacrimuccia (soprattutto se siete sensibili ai film d'amore come me), ma al tempo stesso regalando attimi di positività esponenziali. "Ci sono tante cose della vita che non capisco, si incontrano migliaia di persone, poi un giorno ne incontri una che ti cambia la vita per sempre." Lo consiglio a tutti. 

Non c'ho più il fisico di una volta.

Immagine
Non sono mai stata tipa da vita mondana. Al massimo consumo 3-4 ingressi in discoteca l'anno, tutti concentrati in estate, e faccio l'alba rarissime volte. Ma l'estate purtroppo non è fatta per rimanere a casa, soprattutto se abiti a 10 minuti (a piedi) dal mare e se i tuoi amici sparsi un pò ovunque per l'Italia ritornano a casa durante le vacanze.  Così, fatto sta che sono passata da un letargo depressivo e solitario ad una vita un pò più mondana dove orari sballati, soldi a palate che vanno via come se nulla fossero, e momenti di puro cazzeggio sono all'ordine del giorno. Non che questo mi dispiaccia, ma per una scrupolosa e ansiosa come me, che ad agosto anzichè bivaccare tenta di studiare tutto questo è un problema. Sì, perchè se fino al 29 luglio sono andata a letto alle 11 di sera, stanca e moribonda dopo una giornata di studio, ora invece alle 11 esco, stanca lo stesso, e la sveglia alle 8 è un miraggio. Ergo, studiare diventa un'impresa impossibile, per

Quanto costa il tasto RESET?

A volte penso che se il nostro cervello fosse dotato di un tasto RESET, ci sarebbero meno problemi. In questo momento ne avrei bisogno più di qualsiasi cosa: più di un caffè per svegliarmi, più di una corsa scaccia-pensieri, più di un viaggio per staccare. Se in questo momento avessi tra le mani il tasto reset e potessi tranquillamente cliccarci su, sarei la persona più felice di questo mondo. Quanto costa il tasto reset? Questo è uno dei momenti in cui sarei disposta a pagare il prezzo più alto pur di avere la capacità di cancellare con un solo gesto tutto quello che ti riguarda. Vorrei non più credere alle false promesse, svegliarmi nuovamente e sapere che tu non ci sei. Perchè purtroppo a volte non basta cancellare un numero per pensare di aver messo un punto. E' necessario - Tiromancino

Insieme a te non ci sto più.

Immagine
Oggi c'era il concerto di Battiato. Dal balcone riesco a sentire qualcosa. I suoni non sono chiarissimi, ma riesco a carpire la musica e riesco perfino a indovinare di che canzone si tratta. Mi dispiace non esserci andata, ma il biglietto costava un pò troppo per il mio portafoglio, e date le spese degli ultimi tempi, non potevo strafare. Questa canzone l'adoro. Anche se non è sua, mi strapiace la sua interpretazione. Il testo è spettacolare, è un addio elegante, poetico e responsabile . La fine di una storia sancita da parole raffinate, semplici, ma che colpiscono dritto al cuore.

Amici, amanti e...

Immagine
L'altro giorno ho visto questo film ; carino, divertente, moolto sentimentale e con un cast di attori a mio avviso degno di nota. Il titolo la dice lunga sulla trama del film e in ogni caso non servono geni per capire come va a finire. Emma e Adam sono amici di vecchia data, si incontrano sporadicamente, fino a quando non decidono di diventare trombamici.E fin qui niente di strano. Infondo lui ha bisogno di dimenticare la sua ex e lei di qualche notte da passare allegramente in compagnia di qualcuno. La storia procede tra notti di sesso sfrenato, momenti fugaci in ospedale, a casa di lei, di lui, in qualsiasi luogo idoneo a effusioni erotiche,  fino a quando uno dei due comincia a pretendere qualcosa in più... Non vi svelo come finisce, però vi dico cosa mi ha colpito. Premetto che ho sempre ammirato (anche se non è una vera e propria forma di ammirazione) quelle persone -soprattutto donne- che riescono a tenere separato l'amore dal sesso, quelle che quando dicono s

On air #19

Immagine
Classica canzone strappa lacrime, ma tranquilli è in testa solo perchè ho visto il film Amici, amanti e...

Resoconto di una pessima serata

Premessa: sono nervosa, delusa, arrabbiata, amareggiata. Questo è un post su me e siamosoloamici , quindi -scusate il gesto scortese- ma se non siete interessati non leggete. Ieri a pranzo siamosoloamici (che per brevità chiamerò ssa) mi ha contattato su facebook. Non so per quale grazie l'abbia fatto, ma io in ogni caso non ho risposto. Imperterrito ieri sera ci ha riprovato. SSA : ehi Io : ciao SSA : ciao che fai stasera? Io : (ma che te ne importa?)esco un salto al bananagialla SSA : Si? Allora ci vediamo, a che ora vai? Io : Ma anche no ( con smile - ma in realtà tutti avrei voluto vedere tranne che lui, ma vabbè ) SSA : Fanculo! Con chi esci? Io : con un mio amico SSA : brava, carino? ( vuole darmi pure la benedizione sto scemo! ) Io : quante domande! sì,bello come il sole, molto più di te SSA : che palle che sei!grazie, non ti faccio più domande ( finalmente l'hai capito ). Io vado al cinema prima se riesco ( ma chi se ne frega! ) Io :Vado a

Visioni #1

Immagine
  Non è un caso se io amo alla follia il mio mare e i tramonti.

Ciao amore ciao.

Immagine
C'è stato un tempo in cui ero innamoratissima di te. Oddio, forse innamorata è davvero una parolona. Io dell'amore non ci ho capito mai granchè. Però mi piacevi, ti pensavo al mattino mentre bevevo il caffè, avevo gli occhi a cuoricino quando ti guardavo, e mi prendeva un malessere dopo averti incontrato perchè non sapevo mai quando ti avrei rivisto. Per non parlare di tutte quelle ore, giornate, settimane e mesi interi, in cui il mio pensiero si fossilizzava su di te e arrivederci mondo. Poi per fortuna le cose sono un pò cambiate. Avevo e ho una reputazione da mantenere, una tesi da scrivere, gli esami ancora da completare e una laurea che se dio vuole mi renderà disoccupata, oppure semplicemente una frustrata in cerca di qualcosa di migliore. Ma va bene, questi sono problemi miei, mica tuoi. Dicevo che le cose sono un pò cambiate, ma giusto un pò perchè io da cretina quale sono ti ho sempre permesso di mettere piede nella mia vita, senza nemmeno farti bussare. La porta è s

22

Ho ancora gli occhi assonnati e i neuroni che faticano a connettersi, ma ho fatto le 4 e mezza in discoteca, e non mi crederete (non ci credo neanche io, perché non mi è mai successo) ma ho conosciuto 22 ragazzi. Forse qualcuno in più, ma davvero non ricordo perché arrivata ad un certo punto non ho contato più. Premessa: chi scrive non è una figa della madonna…semplicemente la situazione e il contesto si prestava a nuove conoscenze! Premessa n.2 visto che la serata si prestava ed ero in compagnia di 4 mie amiche più piccole di me, scendendo in discoteca ho fatto una scommessa. Una di quelle che si fanno tra adolescenti: vediamo quanti tipi abbordiamo/conosciamo stasera. Uno in particolare era davvero bello, le mie amiche me l’hanno sbattuto di fronte e gli hanno detto ti presentiamo una nostra amica. Lui era davvero imbarazzato, io ci ho scherzato su, ma è finita là, che tradotto significa: se la tirava un po’, quindi ho lasciato perdere. Il mio numero è finito in mano a 3 scono

Al Bananagialla.

Ieri prima uscita ufficiale per la movida notturna. Non è stata una grandissima serata, ma per lo meno ho bevuto il primo cocktail dell'estate ( un daiquiri alla fragola), indossato un top che non mettevo da un anno, piastrato i capelli dopo due mesi di chignon disordinati, zeppe e sigaretta in riva al mare. Non fa niente se poi l'umidità elevata ha ridotto le mie ossa a pezzi. Sono uscita con una mia amica (*), siamo andate al noto locale Bananagialla (in realtà non si chiama così, ma per non far pubblicità, mi limito ad inventarmi un nome), sul mare, dove c'era una fiumana di gente...ho rivisto tre tipi incontrati ad una festa due mesi fa. Guardo uno di loro, biondoriccio , lo saluto (perchè pensavo si ricordasse di me), mi risponde imbarazzato (è evidente che non si ricorda di me), gli dico: non ti ricordi di me, eh? Ha tentennato, dopo un po' mi fa: Mi daresti qualche aiutino? (Ma che scherzi)... pazienza, la prossima volta che mi vedrai, ti ricorderai s

Vi racconto la mia estate.

Oggi comincia agosto. E’ sempre stato uno dei miei mesi preferiti, il mese più intenso dell’anno dove la vita ti scorre davanti e tu con gli occhi sbarrati sei lì che l’accogli e nutri il cuore di emozioni forti. Quest’anno non so se considerarlo così, nonostante abbia vissuto pochissimo di questa stagione, se non qualche sporadico bagno al mare, vorrei che finisse subito. Vorrei che fosse già settembre, anche se settembre fa rima con libri e tesi da portare avanti. Vorrei sentire il calore delle sciarpe al collo, di quelle serate con le amiche davanti a una bella tazza di the…ok, mi fermo, non è il caso. Nonostante tutto, da oggi vorrei prendermi un impegno, per quanto sarà possibile. Vorrei raccontarvi giorno per giorno la mia estate, magari con qualche scatto, magari con qualche riflessione, magari con qualche frase non mia. So che molti blog sono in vacanza, che molti di voi sono stesi come lucertole al sole, e che molto probabilmente questi post saranno solo parole lanciate nel