venerdì 15 gennaio 2016

Mai, mai, mai mi perdonerei.

Mai...ho tagliato i capelli (da sola).

Sì, ho avuto il coraggio. Un bel taglio netto. Non c'è più la coda lunga che mi rendeva apparentemente secsi. Non ci sono più le doppie punte. Non c'è più tutto quel baluardo di sicurezza racchiuso in una folta chioma.

Addio, femminilità. Chissà adesso dove sarai.

Credevo di non esserne capace, poi è bastato un pomeriggio di noia a farmi cambiare idea. E anche un po' di rabbia. Per tutti quelli che continuano a dirmi ti conosco bene, non cambierai mai.
Che palle che siete.
La verità è che alla gente piace dire agli altri quello che non riesce a dire a se stesso. O che magari ha paura di dire.
Nella noia di chi ti dice che non sei cambiato, c'è la consapevolezza che non è cambiato neanche lui.
Solo che è più facile dirlo degli altri, piuttosto che di se stessi.

E così ho tagliato i capelli. Quasi a voler partire da quelli. Consapevole che, in verità, un taglio non cambia nulla, se non i tuoi umori davanti allo specchio.


Però dentro c'è qualcosa che.
La mia amica Emme dice che sto crescendo. E in effetti tra meno di un mese è il mio compleanno.

T-R-E-N-T-A.
P-A-U-R-A.
E tante altre emozioni.

Quel 3 non mi fa impazzire, perché è denso di ansie.
Di passi indietro. Di binari deserti. Di occasioni perdute o mai arrivate.

E' un passaggio. Mi piace vederla così.
E anche questi capelli passeranno.


7 commenti:


  1. Condivido il tuo pensiero sulle parole a sproposito versate dagli altri.
    É una presunzione notevole quella di ritenere di conoscere qualcuno talmente bene da poterne stabilire i cambiamenti.
    Che non sono quasi mai quelli che si leggono sulla facciata.

    Anche io sto valutando di tagliare di nuovo i capelli.
    Sono cresciuti di nuovo e boh... Mi stufa tenerli così...

    RispondiElimina
  2. Brava! 'Darci un taglio' è sempre un atto di coraggio e non tutti ne sono capaci!

    RispondiElimina
  3. 30!
    Come sei giovane... io sono un bel +10 rispetto a te (ho approssimato per difetto!).
    A 30 anni si e' inquieti e ansiosi, tutti.
    Sono anni in cui, probabilmente, si teme dello sfiorire della giovinezza, si pensa se si e' costruito qualcosa (famiglia, relazioni, lavoro, ...), se, tirando le somme, si e' diventati grandi o meno.
    Io anche ero inquieta, e il peggior anno e' stato (per me) i 37 (non mi dilungo sui motivi).
    Ora ne ho quasi 41, e devo dire che, finalmente, sono quasi contenta di cosa sono.
    E soprattutto non tornerei mai indietro.

    Quindi, buon compleanno! (sei acquario anche tu?)
    E comunque i capelli ricrescono, basta aspettare un po'... :)

    RispondiElimina
  4. I trenta sono esattamente come i 28, sii serena :P

    RispondiElimina
  5. Oddio ma allora è il nostro anno questo 2016! In altre occasioni leggendo dei tuoi post ti avevo detto che qualcosa, eccome, in te stava cambiando! Sui capelli che dire io sono la fondatrice del club UNTAGLIOPERLAVITA ma mi rendo conto che può essere traumatico per i non addetti ai lavori. Ti daranno nuova forza e nuovo entusiasmo ne sono certa!!!

    RispondiElimina
  6. Sì, mai ascoltare i commenti degli altri; impossibile che ci vedano veramente. I 30 fan paura già, ma amali comunque=)

    RispondiElimina
  7. ti dirò che il compimento del mio trentesimo compleanno, avvenuto a maggio dello scorso anno, è stato un evento alquanto traumatico, che mi ha fatta essere parecchio monoargomentativa...
    però, ora che li ho da qualche mese, non posso che dirti che è una gran bella età quella preceduta dal 3: spariscono certi schemi depressivi repressi che fanno male dentro

    RispondiElimina

E ora dimmi cosa pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...