venerdì 30 ottobre 2015

[Di quelle cose che succedono e...niente, sei contenta]

Ieri è successa una cosa strana. In realtà più di una. E poi, in verità, non così strana.
Sono successe delle cose così normali, eppure così estranee alla vita di tutti i giorni che mi hanno fatto pensare a fine giornata che...cazzo, la vita sa sempre come lasciarti senza parole.
E magari anche con un sorriso sulle labbra.

Ho ricevuto un grazie, nel caos di un ipermercato, che non mi aspettavo.

Ho passato una serata con delle persone care. Godendo del bene che un'amica può dimostrarti preparandoti da mangiare.

Ho ricevuto una piantina di violetta da un uomo. E no, nessun spasimante impazzito. Solo uno slancio di affetto che mi ha fatto intenerire il cuore.

Ho scovato una bugia nell'armadio delle sovrastrutture di un uomo. E allora mi sono chiesta che bisogno c'è di mentire. E che bisogno abbiamo di mostrarci per quello che non siamo se poi c'è comunque chi è disposto a sceglierci.

I miei primi dosaggi proteici hanno rivelato, dopo mesi, i risultati attesi. E ok, non frega niente a nessuno. Ma io posso sperare un pochino che il mio progetto di dottorato (forse) ha un senso.

E niente. Penso che alla fine non servono grandi cose per apprezzare la vita.
E che magari ha senso se le cose belle siano condivise, che di selfie e foto in compagnia non ce ne facciamo granché.

[Dopo questo momento di elevato tasso glicemico, rimetto a posto il cuore nella cassa toracica, buon weekend].

16 commenti:

  1. Mi fa piacere per i tuoi risultati ;)
    Buon week end a te!

    RispondiElimina
  2. ciao mia cara ti ricordi quando qualche post fa con fare da sapientona saggia ti ho parlato del cambiamento che avviene dentro te ad un certo punto quando acquisisci la consapevolezza di cio che di buono vuoi per te? mi sembri su un'ottima strada! ti auguro un we di grazie inattesi, viole del pensiero e cibo condiviso, che fra l'altro è sempre quello col gusto migliore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono a dieta! :-( altro che cibo condiviso....in ogni caso, spero davvero di essere sulla strada giusta. A volte la consapevolezza non basta e lo sto imparando in questi ultimi mesi...si è consapevoli, ma molto spesso quello che manca è la forza per far diventare quella consapevolezza qualcos'altro.

      Elimina
  3. sembra che lui lo sappia benissimo dove portarti: il cuore intendo, con i suoi sbalzi così improvvisi e irresistibili ... buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui vorrebbe portarmi ovunque, ma sono sempre io che lo tengo a bada.

      Elimina
  4. A volte basterebbero giusto un paio di piccole cose belle al giorno per stare sereni. Per scacciare le paranoie. Per affrontare la giornata con una tacca di positività in più. Invece si contano con il conta gocce, ahimè, solo perché gli atti di gentilezza sono davvero in via di estinzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e allora, se fossero davvero in via di estinzione, godiamone! :-)

      Elimina
  5. io in queste settimane di expo ho "scoperto" che davvero un grazie e un sorriso possono fare la differenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non cambiano di molto la vita, ma sicuramente rendono più bella una giornata!

      Elimina
  6. Solo uno slancio di affetto che mi ha fatto intenerire il cuore.

    Sai che anche per me queste sono le cose più belle? Un gesto d'affetto quando uno non se lo aspetta.

    Comunque: in bocca al lupo per il tuo progetto di dottorato! :)

    RispondiElimina
  7. sono lieta dei tuoi risultati
    (questo è un post che racchiude poesia)
    un abbraccio

    RispondiElimina

E ora dimmi cosa pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...