mercoledì 27 aprile 2011

Perchè stare con me non è bere un caffè?

Il titolo di questo blog è un emblema di come la mia vita non è per nulla semplice. Come me del resto. Se a tutti posso sembrare come una ragazza tranquilla che resta a casa tutto il giorno a studiare, nel fine settimana esce con gli amici, ogni tanto fa sport e la domenica va a messa, beh sappiate che tutto questo è un contorno, sono i paletti che mi impongo per darmi un tocco di normalità, per dirmi a fine giornata che ho fatto il mio dovere, che poi non sono così tanto diversa dalle altre. E invece, quando mi guardo allo specchio, tutto sembro, all'infuori di una ragazza normale. Ho 25 anni, vivo da 3 con un nemico che si chiama ANSIA, che mi costringe a rimanere sveglia notti intere, che mi fa tirare indietro ad ogni passo importante, che si attacca allo stomaco e mi lascia per minuti che sembrano una vita senza fiato.

Emme la mia amica dice che devo parlarne con qualcuno, che devo riprendere in mano A., che devo fare un passo alla volta se voglio arrivare incolume a raggiungere i miei obbiettivi.
In primis la laurea. E invece non ci riesco. Rimando esami su esami perchè mi sento continuamente insicura, non riesco a dire in faccia alle persone che mi hanno fatto del male sei uno stronzo o sei una stronza, dico sempre sì, quando vorrei dire no, e dico sempre no, quando vorrei dire sì. 
Non ho il coraggio di dire a mia madre che la vita che faccio non mi piace, che l'università- almeno quella che ho scelto- non fa per me, che vorrei che mi aiutasse ad andare via di casa, magari per i primi mesi, fin quando non trovo un lavoro stabile. Ma a 5 esami dalla fine sarebbe come tentare un suicidio e non riuscirci e avere addosso poi gli occhi della gente e la vergogna che non ti fa dormire.

Così stringo i denti e vado avanti. E mi ripeto passerà, perchè tutto passerà.

18 commenti:

  1. Cara A., anche io ho sofferto di ansia, anche io poco prima della laurea, ma non era legato agli studi.
    Mi prendeva lo stomaco, era come avere un pugno conficcato per tutta la giornata, senza tregua. E mi rifugiavo nel sonno.
    Poi ho iniziato a lavorare su me stessa, da sola. Senza alcun supporto nemmeno delle persone a me più vicine, che purtroppo non mi hanno capita.

    Si corre da soli. Questo mi sono ripetuta per uscirne. Dipende tutto da noi. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Leggo le tue parole e mi ci ritrovo con tutte le scarpe. Credimi. Convivo anch'io con l'ansia che mi fa posticipare gli esami.
    Come te cono a 5 esami dalla laurea, e con la voglia di buttare tutto all'aria...ma dobbiamo stringere i denti e fare quest'ultimo sforzo.
    Un abbraccio
    P.S.: come te, anche io penso di aver fatto la scelta sbagliata con questa facoltà...ma giacché ci siamo...balliamo! ;)

    RispondiElimina
  3. E' vero che tutto passerà , ma si sta fermi ad aspettare che passino le cose che non dipendono da noi , contro cui non possiamo niente. Aspettare che passi uno stato che è dentro di te è come nascondere la testa sotto la sabbia e rimandare "l'affrontare" questa cosa. Devi pensare che la vita è tua , solo tua e una sola e che nessuno arriverà per far sparire magicamente i problemi. Fai piccoli passi alla volta , pensa che devi "lottare" per la felicità! Ce la farai! Tutti ce la possono fare!
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  4. passerà passerà... io soffrivo di attachi di panico e poi è passato....
    cerca di capire cosa ti fa stare bene... e coltiva di più i tuoi interessi le tue passioni....
    e non mollare l'università se ti mancano solo 5 esami... quando il gioco si fa duro i duri restano a giocare

    RispondiElimina
  5. mamma mia quanto ti capisco, leggerti è stato un po' come rivivere quello che ho provato io fino a qualche mese fa, ma da un po' ho dichiarato ai miei che non potevo più continuare con l'università loro ci sono rimasti male, ma per me stava diventando una malattia. adesso sto provando a cercare mi tengo impegnata ma non ho trovato un lavoro, però non sto più male come prima

    RispondiElimina
  6. Ciao A. l'ansia è un problema che conosco bene, paura di non farcela di non riuscire a realizzarsi a trovare il proprio spazio, qual'è la direzione giusta, la scelta giusta!? anche se non ho una particolare ammirazione verso quelli che sanno sempre cosa fare, noto in loro una certa rigidità che mi urta, io personalmente penso, spero che la propria strada e realizzazione si trovi in modo naturale sensa affanni, ansia, SPERIAMO BENE

    RispondiElimina
  7. *D'aria: la sensazione che hai descritto è proprio quella: un pugno allo stomaco. Ho provato di tutto per affievolirne il dolore: la corsa, le passeggiate al mare, il sonno come te. Ma non sempre dormire mi aiuta a stare meglio, anzi a volte è peggio: mi risveglio e mi sembra di aver perso tempo.

    RispondiElimina
  8. *Nania: mi consola sapere che non sono l'unica a pensare di rimandare gli esami (io però lo faccio per davvero). Diciamo annche che l'organizzazione dell'uni fa c....

    RispondiElimina
  9. Selena è quello che mi dice Emme: un passo alla volta, dipende solo da me...

    RispondiElimina
  10. Bussola non so se poi sono così forte da rimanere in gioco :(

    RispondiElimina
  11. *Le cos IL FATTO è CHE IO NON SO NEANCHE SE VORREI LASCIARE DEL tutto l'università...

    RispondiElimina
  12. *Francesco hai trovato le parole esatte: ho una paura fottuta di non riuscire a trovare il mio spazio, la mia direzione...dico sempre di non pensarci, ma è un pò come fuggire, e fuggire è un pò come morire.

    RispondiElimina
  13. io credo che tu debba pensarci invece, ma senza ansie e se ci metterai più tempo degli altri chi se ne frega, io mi metto in discussione tutti i giorni, puo' sembrare una cosa pesante e lo è, ma piuttosto che seguire la corrente...io personalmente credo che se vuoi una cosa e la voui disperatamente e sinceramente l'universo ci dia una mano e spero possa farlo con te, con me e con tutti quelli che hanno voglia di trovarre la propria strada, direzione, realizzazione, non importa quanto tempo ci vorra'

    RispondiElimina
  14. ecco sì...pensarci ma senza farsi venire l'ansia! sarà un lavoraccio! ;)

    RispondiElimina
  15. Mia cara A. te lo dice una che nella vita si è lasciata prendere dall'ansia ed ha rovinato tutto...FInchè un giorno mi sono trovata di fronte ad un insieme di persone, eventi, oggetti che non mi appartenevano.. Ho finto per anni di essere quella che non ero pensando che solo così avrei potuto PIACERE ALLA GENTE...Ed alla fine mi ero immedesimata talemente tanto da prendere in giro anche me..Solo quando ho perso la cosa + cara che avevo (che inconsciamente mi stava dando la forza di cambiare un passetto alla volta senza che se ne accorgesse) ho capito che dovevo ricominciare d'accapo. Ho perso tutto (anche se tutto era una farsa) ed eliminato ciò che rimaneva per ricostruire da zero la mia vita: ho cambiato università al terzo anno, ho cancellato migliaia di numeri in rubrica, cambiato numero di telefono...e così ho smesso di soffrire di attacchi di panico. Oggi i fantasmi di prima mi tormentano ancora a volte, per il senso di colpa di aver sbagliato, ma sicuramente vivo più serena...magari con meno gente attorno...ma so che chi c'è è con me perchè ha scelto di restare e mi ha accettato per come sono...!

    RispondiElimina
  16. La conclusione è che...la forza deve nascere dentro di te...devi avere il coraggio di guardarti allo specchio e dire:io sono così...non devo avere paura! Ce la farai...sicuramente! Sembri una bella persona, e di certo lo sarai....NON ABBATTERTI MAI!! Ascoltati... e decidi per te stessa...

    RispondiElimina
  17. Grazie Dedy per il tuo sostegno...
    purtroppo nella mia vita l'indecisione regna sovrana,l'ansia mi mangia viva giorno per giorno, e quello che rimane di me non sempre riesce ad andare avanti a testa alta, so che ce la posso fare perchè non mi ritengo una persona debole, è solo che a volte vorrei sentire il sostegno delle persone che mi stanno accanto.

    RispondiElimina
  18. Ti sono vicina e ti capisco! Soffro di ansia da tantissimo tempo, troppo! Ho passato cinque anni in analisi e adesso ho qualche consapevolezza in più! Anche io ho 25 anni, studio e rimando spesso gli esami perchè ho paura di non farcela, di bloccarmi, di non riuscire a superarlo! Inoltre la facoltà che ho scelto, non mi appartiene molto, non fa proprio al caso mio, però ormai va finita!
    Coraggio, non abbatterti, so che è difficile, ma so anche che ce la farai e che tutto passerà!
    In bocca al lupo per tutto, cara!

    sweetpinkmacaron.blogspot.com

    RispondiElimina

E ora dimmi cosa pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...