venerdì 21 luglio 2017

[10/365] Milano, ventricolo destro, piano di sopra.

Da quando sono rientrata da Milano, mi capita spesso di volgere i pensieri al contrario, di arrotolare il nastro di questa esperienza e rivivere i momenti che ho lasciato alla voce Milano, ventricolo destro, piano di sopra. 
Faccio questo esercizio più o meno tutti i giorni, mi basta guardare il calendario o l'agenda, guardare un numero e dirmi un mese fa ero qui, tre settimane fa stavo facendo questo. Insomma, l'app Accadde oggi di FB, ce l'ho anche io, nella mia testa.
(Ma per favore non ditemi che sono una persona che guarda al passato perché io nella mia vita riconosco di avere il problema opposto). 

Oggi, per esempio, è un giorno di quelli. Uno di quei giorni che mi hanno riportato violentemente indietro di un mese.
A quando ero seduta in un baretto sui Navigli a sorseggiare uno spritz. Con il sole alle spalle e di fronte una persona che non avrei più rivisto.
A quando, nonostante la mia jumpsuit fiorata, le zanzare si cibavano di me.
A quando sorseggiavo Falaghina in un giardinetto carino, pieno di gelsomini e zanzare. Sì, sempre loro.
Alla magia di Milano anche con l'afa alle 12 di sera. Ad una boccetta di Narciso Rodriguez. Alle canzoni scoperte tramite Shazam. A tante cose che frullavano nella mia testa.

Insomma, ad una serie di cose che sembravano farmi stare bene.

Non so se mi abituerò mai al tempo che passa, così in fretta, così violento a volte, così indifferente ai nostri cuori invertebrati, molluschi involontari, rossi buffoni. Lui passa e fa tutto da solo. Forma e deforma. Costruisce e demolisce.
Funziona così. E funzionerà così sempre.
Che arriviamo ad un punto. Lo viviamo, più o meno.
Poi andiamo avanti. E se rimaniamo fermi, è il tempo ad andare avanti per noi.
E' come un'onda: scompiglia, risucchia, leviga, butta via.
E tu sei lì, con il tuo cuore invertebrato, mollusco involontario, rosso buffone.
Che anche se è buffone non è detto che non si faccia male.
Non è detto che non si scompigli.
Non è detto che non venga risucchiato da chissà quale onda.
Non è detto che non venga levigato. Come una pietra.
Che si può spaccare. Perché anche le pietre si spaccano. O magari essere buttato via.

La scelta opportuna sarebbe non curarsene. Vivere e basta.
Perché tanto il tempo farà il suo dovere.

La mia testa è ancora lì, in quel giardinetto. Rivedo la scena perfettamente scolpita nella retina. Mi accendo una sigaretta mentre metto su una delle mie playlist preferite di Spotify. Mi distraggo così ultimamente.

Milano ha lasciato i suoi segni, se mi guardo dentro, vedo germogli in fiore.
E sono contenta. Perché adesso penso a quel giardinetto. E ci trovo tante domande. Ad alcune comincio a dare risposte, altre preferisco lasciarle lì.

E' il tempo, mi dico. E' lui che svela tutto.
Ed è lui che, anche questa volta, farà il suo dovere.


[#canzonedelgiorno]

Nessun commento:

Posta un commento

E ora dimmi cosa pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...