venerdì 7 settembre 2012

La vita incandescente.

Passi le giornate a studiare.
Lo fai con calma, a volte con avidità perché il tempo sembra non essere mai troppo.
Tra un caffè ed un altro, sottolinei, prendi appunti, guardi la tua amica nella tua stessa situazione e scambi qualche parola con il tipo seduto al tuo fianco in biblioteca.
Poi chiudi i libri, torni a casa beccandoti una pioggia settembrina che semina solo umidità e capelli mossi, ti togli le scarpe e fai respirare i piedi.
Prendi una bici, metti le cuffie e macini chilometri nell'attesa che il vento e il mare possano dare risposte a quelle domande che, infondo, sono le domande di sempre.
E nel frattempo lasci ai tuoi polmoni la possibilità di farsi penetrare da aria salmastra, ti distrai con un libro e torni a casa più stanca di prima.
Sembrano giorni densi di routine e invece riesci a cogliere i particolari delle piccole cose che la mente distratta di solito non fa.
Una canzone nuova, una frase a cui non avevi fatto caso, una telefonata che non ti saresti aspettata.
E' la vita incandescente, quella che ti toglie il fiato nelle sere di fine estate, quando l'umido e il fresco ballano lo stesso valzer nell'aria.
Scrivi poesie che nessuno mai leggerà, mentre posticipi le consegne di quelle cose a cui ti eri promessa di dare priorità.
Settembre sembra essere lontano quando è tempo di fare progetti, e invece è arrivato da un po', e sono proprio i progetti che rimandi, il sole che si nasconde, i cardigan usciti dai cassetti a ricordartelo.
E poi gli esami che arrivano e passano, mettendo a tacere ansie, lasciando invece parlare paure più profonde. Perché forse stai pretendendo troppo da te stessa.
Ma lo hai sempre fatto, essere severi è una tua dote naturale.
E allora preghi quel Cristo personale che possa giustificarti e perdonarti.



6 commenti:

  1. Meno futuro, più dettagli di ora. A volte deve essere così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso dovrebbe essere sempre così, forse sarebbe tutto più semplice, almeno sul piano emotivo! ;-)

      Elimina
  2. Sia il tuo post che il commento di Ale Tredici sono in sintonia con il mio sentire di queste settimane.

    RispondiElimina
  3. la canzone non mi piace tantissimo, ma tu hai dato una interpretazione a "la vita incandescente" che, ti giuro, mi era sfuggita.. ti auguro di non fare troppi progetti e di lasciarti travolgere da essi.. una volta una tizia mi disse "io non inseguo un sogno... lo seguo..." ed è con questo spirito che si dovrebbe affrontare settembre...xd è l'inizio che spaventa...

    tieni botta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho cercato solo di spiegare quello a cui la canzone mi fa pensare! ;-)

      Elimina
    2. ed è bellissimo! ciao Miki!

      Elimina

E ora dimmi cosa pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...