giovedì 29 settembre 2011

Domande.

"Sei davvero una bella persona".
Leggo questo messaggio più volte sulla tua bacheca. A scriverlo sono molteplici mani, quasi tutte femminili.

Ci penso e mi rendo conto che forse per tutto quello che ho vissuto con te non sarei dello stesso parere. Ma in fondo, il mio, è il parere di un'innamorata non ricambiata. O comunque di una che ha sempre avuto per te gli occhi a cuoricino e la lucidità l'ha lasciata a casa ad ogni appuntamento. L'obiettività mi farebbe anche dire che tutto sommato di persone pessime ce ne sono a volontà e tu non sei una di quelle. Ti riconosco la sincerità, l'onestà per non esserti approfittato di me quando avresti potuto benissimo farlo, la genuità della tua semplicità, le tue ansie e paure che fanno tenerezza nonostante la tua età.

Ma sei davvero una bella persona?

Ho combattuto con la tua superficialità per un lunghissimo anno, non ho visto passione in quello che fai (e per me avere passione è una cosa fondamentale, fosse anche la passione nell'ordinare l'armadio), ho ascoltato tante parole che facevo fatica a connettere con i fatti, ho visto un uomo che di uomo non aveva neanche le palle. E ora mi chiedo: non ti ho forse capito? Sono io che non sono riuscita a scorgere questa bellezza che molti (molte) vedono in te? O forse tu non hai tirato fuori il meglio di te con me?

Domande che trapanano il cervello da stamattina, esattamente da quando ho sbirciato il tuo profilo facebook.

7 commenti:

  1. Lo dico sempre che i social network sono pericolosi..
    Credo comunque che la bella persona sia tu, per l'eleganza con cui gli hai posto qui questa domanda. Si capisce che ti ha fatto soffrire, eppure hai mantenuto l'educazione e la correttezza di una signora. complimenti!

    RispondiElimina
  2. La cosa migliore da fare, dicono, è tagliare completamente i ponti. Allontanarsi, guarire, lasciare che il tempo o la rabbia curi il tutto. Chi la pensa così poi non pensa al momento in cui, volente o nolente, ci si ritroverà di fronte di nuovo..con il rischio di sprofondare di nuovo a terra. Il tuo sbirciare il profilo, anniente completamente questa teoria! ;)
    Io non so cosa sia giusto fare..so solo che, per quanto sia difficile, la vera risposta di cui ha bisogno è "non è una cosa che mi riguardi"..
    Il difficile, difficilissimo, è riuscire a farsi la domanda...

    RispondiElimina
  3. Penso di poter apparire quel che voglio dietro la tastiera, poi a conti fatti le persone son ben altra cosa...io ad esempio potrei esser un serial Killer o Un ballerino della scala, Il ministro dell'economia (farei meno danni) o il barbone che chiede l'elemosina di giorno e dorme in albergo di notte, fare l'affabile gentiluomo ed esser un emerito stronzo...nella rete bisogna sapersi muovere come ragni, e non farsi intrappolare dall'illusione.
    Un abbraccio sei proprio una bella persona ;-)
    P.S.
    L'ultima è un battuta!!!! Non vorrei innescare strascichi polemici come in altri luoghi :-P

    RispondiElimina
  4. @Stargirl: non credo la mia sia stata eleganza, è stato semplicemente un modo di non pretendere troppo da chi non sarebbe stato disposto a darmi nulla. In tutta questa faccenda mi sono fatta troppi sensi di colpa, ma infondo io non ho nessuna colpa se non quella di essere stata troppo irrazionale davanti ad una storia che sapevo già come sarebbe andata a finire.

    @ser:io i ponti ho provato a tagliarli, ma abitando nella stessa città e frequentando gli stessi luoghi, come si fa a tagliare definitivamente? :(

    @mark: il problema è che qui non si parla di un modo di essere virtuale diverso da quello reale, i messaggi che ho letto gli ho sentiti anche di persona, senza leggerli da nessuna parte...e quindi quello che ho letto non è stato altro che un riscontro di quello che succede fuori al di là dello schermo, in ogni caso grazie per avermi dato della bella persona, attento potrei non esserlo con chi fa battute del genere ;)

    RispondiElimina
  5. Penso che ripasserò di qui, intanto mi intrometto :)

    Riguardo a questo esemplare di maschio bianco che mi pare appartenga alla categoria del "ti tengo sul filo del rasoio e poi mi faccio scaricare", segui la regola d'oro: se lo incontri sfodera il tuo migliore sorriso... coi suoi amici. Non fargli mai capire che ti ha fatto male e trattalo come un caro conoscente. ;)

    RispondiElimina
  6. dicono sia utile la lettura di “io sono ok, tu sei ok” di eric berne.
    io non l’ho mai letto perché senza le menate mi sentirei disoccupato.
    facebook è di sicuro un danno: in alto a destra c’è una cosa che si chiama “disattiva account”. questa l’ho provata e ha un buon sapore.
    buona fortuna
    -m

    RispondiElimina

E ora dimmi cosa pensi...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...